Programma
Per le scuole
Bambini
Giovani
Adulti
Per tutti
Calendario e informazioni >
X Chiudi

3.3
2018


15:00

Teatrostudio

 

Ideazione, coreografia e performance di Alessia Della Casa

Musiche composte ed eseguite da Gioacchino Balistreri

Illustrazioni e grafica di Liam Walsh

Supervisione artistica di Nunzia Tirelli

Produzione: VEICOLO DANZA, Rebubblica e Cantone Ticino-Divisione Cultura, RESO Rete Danza Svizzera

CORPO - Percorsodanza

Partire dal proprio corpo per guardare la danza

DanzaLaboratorio

Sotto forma di installazione, Percorsodanza consiste in un itinerario segnato da cartelli illustrati che presentano e suggeriscono un movimento da eseguire. Si tratta di un percorso che avvicina il pubblico all’esperienza stessa del movimento.

CORPO - Percorsodanza è un’opera musicale, illustrata e danzata che intende facilitare la comprensione del movimento nella danza contemporanea, pur presentando un alto valore artistico. Sotto forma di installazione il progetto consiste in un itinerario segnato da cartelli illustrati che presentano e suggeriscono un movimento da eseguire: a ogni stazione i partecipanti possono spontaneamente fermarsi e mettere in atto quanto indicato. Si tratta di un percorso che avvicina il pubblico all’esperienza stessa del movimento come esso si presenta oggi nella danza. Ogni movimento è definito partendo da una delle caratteristiche fondamentali della complessità della danza contemporanea, ovvero l’articolazione e la dissociazione delle varie parti del corpo. Il percorso conduce poi i partecipanti al luogo della performance, dove si avverte un’atmosfera di vicinanza, di confidenza tra la danzatrice e gli spettatori, “come se lei fosse” una di loro. L’intento di questo rapporto a stretto contatto è proprio quello di far notare come il confine tra l’artista e lo spettatore sia labile e immaginario, spesso instaurato dal pubblico stesso per puro sentimento di estraneità all’opera d’arte. Si vuole far notare come sia possibile avvicinarsi al movimento e percepirlo più dall’interno, riferendolo alla sensazione che anche il proprio corpo può produrre, abbandonando l’idea che la danza sia una forma di agilità utopica adatta solo a chi già la pratica.